mercoledì 23 luglio 2014

"Mysterious castle" : dal nido della gazza ad un quadro-mosaico

Come molti bricoleurs, ho l'abitudine di raccogliere-accumulare-conservare gli oggetti e i materiali che mi stimolano la fantasia....può accadere che restino in attesa per anni, ma poi arriva per tutti il momento di tradursi in qualcosa di nuovo. Una delle mie passioni, in tanti anni di estati al mare, è raccogliere i vetri che le onde lasciano sulla spiaggia, satinati e levigati, di colori che sembrano richiamare l'acqua da cui sono trasportati. Oltre a questi ho raccolto da anni frammenti di ceramica, sassi, madreperle, microscopiche conchiglie. Cambiando ambiente, mi è difficile resistere a cortecce, pigne, rametti (ho sempre pensato che se fossi stata un animale sarei stata una gazza...)

Così, quando ho deciso di tradurre tutto in un quadro che unisse liberamente vari materiali, mi sono trovata già quasi a metà dell'opera. Ecco le fasi preparatorie:



 Per la base ho recuperato due assi di legno - una cassetta di vini - invecchiato alle intemperie al punto giusto, fissate insieme con chiodi e debitamente spazzolate con spazzola di ferro per eliminare muffe e incrostazioni. Poi ho iniziato a costruire il paesaggio che avevo in mente; le tre cortecce di susino, raccolte in Val d'Orcia qualche estate fa, si sono prestate a rappresentare un castello un po' misterioso, che si staglia su un cielo notturno illuminato di stelle
Con colla a caldo ho fissato i vari elementi, usando tessere di mosaico in terracotta, cabochon decorativi in vetro, frammenti di specchio (martellato, in barba alle superstizioni!), sassolini, glitter, brillantini, rami secchi . Il lavoro è stato un divertimento assoluto, come tutti i lavori di collage e mosaico, ed risultato è un pannello decisamente originale. Inutile dire che il castello misterioso non è in vendita, e resterà a casa mia!
Eccolo finito:






2 commenti:

Clody ha detto...

mi piace da matti questo genere di cose... un mix fantastico di materiali e una sola parola d'ordine: fantasia!!!
e poi anche io ho la passione per i vetrini tutti colorati e levigati dal mare... come si fa a resistere, sono troppo belli *_*
bravissima Marina!

Marina Lombardi ha detto...

Grazie Clody! Non c'è niente da fare, i materiali naturali sono i più belli!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...